Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Bilancio consuntivo 2016: la bolla è esplosa.

01 Giu 2017
Pubblicato in Bilancio

Anche quest’anno si presenta un bilancio che non approveremo.

La politica del tirare a campare continua anche nel 2016, per restare in piedi, chiudere il bilancio e basta, senza avere una prospettiva di lungo periodo … curioso per chi parlava di Giulianova 2020, e invece agisce per “Giulianova speriamo di arrivare al prossimo anno”.
Anche noi ci chiediamo chi abbia messo mano al bilancio quest’anno: probabilmente la Mastropietro, mentre l’eroico Pirocchi, convocato all’ultimo secondo dovrà rispondere alle nostre domande.
In commissione è emerso che tutti gli introiti derivanti dalla vendita della Julia servizi saranno usati per ripianare i buchi della gestione operativa che ha un risultato clamorosamente negativo: meno 4 milioni di euro.

A cosa è dovuto ciò? E’ vero che vi sono i minori stanziamenti ma notiamo anche che ci sono 3.2 milioni di accantonamento al fondo di anticipazione di liquidità, dunque un peggioramento notevole rispetto allo scorso anno. 
Ci spiegate cosa sono i 3.2 milioni di accantonamento al fondo di anticipazione di liquidità?????
I prestiti sono l unico modo per chiudere i bilanci per voi perché la situazione è fuori controllo, cosa che abbiamo ripetuto anche allorché abbiamo analizzato il DUP a giugno nel 2016, e che trovate sul nostro blog, nero su bianco!!!!!
Ripianare era un obbligo di legge o è stata una vostra scelta?  
Le entrate al titolo V del 2015, 3.353.000 euro cosa sono ce lo fate sapere, ci date la dicitura ufficiale? Ossia: Anticipazioni di cassa? Finanziamenti a breve termine? Assunzione di mutui e prestiti? 

Tassa di soggiorno, No Grazie!

29 Ott 2016
Pubblicato in Turismo

L’approvazione della tassa di soggiorno - a cui il Movimento si è opposto - ha messo in luce alcuni aspetti : innanzitutto si registra la spaccatura di Civicamente. E’ singolare che il consigliere Mustone si sia astenuto sugli emendamenti presentati dal compagno di gruppo Ragni, che a sua volta si è astenuto sulla tassa di soggiorno. Un bel pasticcio insomma.

La giunta ha disatteso totalmente la consulta del turismo, che di fatto ha visto sconfessate le proprie proposte e il proprio parere che doveva essere di fatto vincolante.
Ora si parla di piano triennale del turismo e di collaborazione con la consulta: se la collaborazione è quella che c’è stata per l’introduzione della tassa di soggiorno, allora è meglio lasciar perdere sin da subito.
Alla giunta Mastromauro servono delle entrate supplementari, dato lo stato pessimo dei conti e le costanti perdite annue per l’ente comunale. 

Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle – Giulianova vigileranno sull’ammontare delle entrate e sull’utilizzo di esse, che per legge devono essere destinate all’implementazione del turismo.
Se il sindaco e la sua giunta credono di usare la somma per chiudere il bilancio preventivo, ossia come “trucco” contabile, si sbagliano di grosso.
Vi staremo addosso, contateci.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle – Giulianova

Tassa di soggiorno: solo per investimenti sul turismo.

03 Ott 2016
Pubblicato in Turismo

È necessario premettere che il Movimento 5 Stelle - Giulianova è contrario all’idea di imporre nuove tasse, anzi l’auspicio è quello di vedere una riduzione della pressione fiscale. Tuttavia la giunta Mastromauro sembra aver deciso a favore di questa nuova imposta.

Per il Movimento 5 Stelle - Giulianova, la precondizione per introdurre la tassa di soggiorno sta nel considerarla esclusivamente come una tassa di scopo, in modo tale che tutte le risorse che ne derivano vadano investite in azioni per il potenziamento del settore turistico al fine di migliorare i servizi e l’ospitalità nel Comune di Giulianova. Non un euro della tassa di scopo deve dunque essere sottratta a tale obiettivo. Quando diciamo questo, intendiamo servizi turistici in senso stretto, non certo per rimpinguare il bilancio disastrato del Comune o utilizzarlo per altri scopi che nulla hanno a che vedere con il turismo. La consigliera Margherita Trifoni propone che con la tassa di soggiorno nasca una collaborazione tra amministrazione comunale e operatori turistici, albergatori innanzi tutto, affinché gli introiti vengano destinati alle priorità turistiche concordate insieme, e servano per finanziare campagne di promozione, eventi effettivamente attrattivi, migliorare le organizzazioni e le infrastrutture destinate a questo scopo. Inoltre, chiediamo che la tassa di soggiorno sia più equa e a portata di famiglia, proponendo di non far pagare la tassa di soggiorno ai turisti minorenni in vacanza con i genitori, agli studenti universitari e a tutti i portatori d’invalidità certificata che pernottano nella nostra città.

Auspichiamo che l’amministrazione comunale e il PD siano sulla via del confronto costruttivo e della collaborazione con chi, come noi del Movimento 5 Stelle, porta continue proposte e idee in ambito comunale e possa accogliere positivamente le proposte della consigliera di opposizione Margherita Trifoni.

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle - Giulianova

Un'estate ricca di debiti.

18 Lug 2016
Pubblicato in Bilancio

Debiti estivi.


I Giuliesi dovranno subire l’ennesimo salasso: tanti debiti frutto delle cattive amministrazioni , che vengono fuori pian piano e che saranno naturalmente pagati con i sacrifici della cittadinanza.
L’esproprio del Parco Franchi pagato 4,5 milioni è l’eredità politica di Antonio Franchi. 
Ora arrivano 300.000 per l’Ambito sociale tordino, in riferimento agli anni 2011-2012, debiti della giunta Mastromauro. In più ci sono i debiti che dovranno essere pagati dai comuni del consorzio al momento dello scioglimento tra due anni, circa 1 milione di euro per il comune di Giulianova.


Il comune è stato condannato pochi giorni fa al pagamento di 378.000 per l’ esproprio del 1976 per realizzare i centri sportivi. Il comune ha affidato il ricorso ad un avvocato con una parcella di 34.000 euro, per una causa che verrà probabilmente persa dal comune.
Totale 700.000 euro (per il momento) che andranno a zavorrare il già precario bilancio comunale per i debiti contratti e mai pagati negli ultimi 40 anni.

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle Giulianova

Conti di fine anno: bilancio consuntivo 2105.

31 Mag 2016
Pubblicato in Bilancio

Il bilancio 2015 è la prova del nove di quello che abbiamo detto a partire dal 2013, ossia che le casse del comune sono state dissestate nell’anno precedente alla campagna elettorale e in quello della campagna elettorale ossia il 2014.

Il fondo cassa del comune è in leggera risalita, dopo aver toccato il minimo storico del 2014, ridotto ad appena 600.000 euro. Quest’anno si chiude a 1.300.000, proprio perché siete stati costretti a fare dei tagli, molti dei quali sono già stati suggeriti da noi. Altri ce ne saranno nel preventivo 2016, e finalmente avremo la tanto agognata riduzione dei dirigenti addirittura da 4 a 2, a testimonianza che il quarto dirigente non era affatto necessario.

Noi lo diciamo da tempo, voi ci siete arrivati solo in parte nel 2016. Siete stati costretti dalla normativa nazionale alla riduzione del personale del comune , ridotto di tre unità con risparmio attorno ai 100.000 euro.

La spesa corrente, per forza di cose è scesa, proprio perché aveva raggiunto negli anni passati un livello che era semplicemente insostenibile, in particolare nel 2014.

Da 23,432 milioni a 22,5 milioni: risparmio di 900.000 euro

L’acquisto beni di consumo e di materie prime è passato da 868.000 euro a 615.000 (749.000 nel 2013): ossia 250.000 euro . Come mai un differenza così netta che sfiora il 30%?

Spiegate alla cittadinanza per favore che cosa sono gli oneri straordinari della gestione corrente? A cosa è imputabile la diminuzione da 935.000 euro a 511.000 euro?

Più di 600.000 riguardano queste due voci, e deve essere chiarito alla cittadinanza il perché.

Le entrate di trasferimento da parte di stato e regione sono aumentati di circa 300.000 euro rispetto al 2014, per cui per una volta non dovreste lagnarvi.

I buchi di bilancio.

11 Apr 2016
Pubblicato in Bilancio

Oramai siamo al ridicolo: Mastromauro che ha dilapidato 6 milioni di euro di fondo cassa, in un intervento di basso livello, dichiara che il Movimento 5 Stelle non ha competenza amministrativa.
Ben due anni fa abbiamo lanciamo l’allarme sui conti e sulla spesa del comune, ma non siamo mai stati ascoltati. Mastromauro negli anni 2013-2014, ossia l’anno della campagna elettorale e l’anno prima della campagna, ha aumentato la spesa che è oramai insostenibile e ha bruciato i risparmi dei Giuliesi, ossia 6 milioni di euro.
Mastromauro ci spieghi come mai la spesa per la funzione 09 del bilancio, ossia la cura del verde nel 2014 sia aumentata di 1.300.000 euro rispetto al 2013. Sono forse i lavori temporanei ? Come mai l’acquisizione di beni immobili è passata da 1.300.000 euro a 1.900.000 circa, con un aumento di 600.000 euro di spesa? La priorità del comune è acquisire immobili? Come mai la spesa corrente del 2014 è aumentata rispetto al 2013? Semplice: Mastromauro non è un buon amministratore, e ha dilapidato i risparmi dei Giuliesi
Noi diamo le cifre alla cittadinanza, il sindaco oramai da i numeri.

Ribadiamo la nostra richiesta di dimissioni per manifesta incapacità di amministrare i soldi delle tasse dei Giuliesi, ai quali non restano che i tagli di questa giunta.

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle Giulianova

Mastromauro dimettiti subito!!

04 Apr 2016
Pubblicato in Bilancio

Al peggio non c’è mai fine: Mastromauro si dimetta.

L’assessore Giovanardi ha annunciato le prime misure per far fronte al buco di cassa dal comune, ossia 400.000 euro di tagli alle detrazioni TARI previste per giovani coppie, attività commerciali, anziani.
Il Movimento aveva chiesto di alzare l’Isee richiesto per le detrazioni a giovani coppie e disabili, ma i nostri emendamenti sono stati bocciati. Stavolta si è sfondato il fondo del barile, annullando in pratica quasi tutte le detrazioni previste. Come al solito il PD e Mastromauro, avevano fatto dei trionfali comunicati stampa, ma dopo un anno la dura realtà li costringe a rimangiarsi la parola data.
Questi tagli sono il frutto della mala gestione dei soldi delle tasse pagate dai giuliesi: un buco di bilancio che ha azzerato il fondo cassa del comune e genera perdite ogni anno.
Anni di consulenze, il quarto dirigente, affitti dei locali (quando il comune ha a disposizione i propri locali), voucher e lavori temporanei. Ora l’asilo che rischia di essere ceduto, la Julia servizi che è stata svenduta per fare cassa, il taglio di tutte le detrazioni: un disastro.
Questa giunta di sinistra non ha nulla: architetti e avvocati continuano ad avere le consulenze, i dirigenti restano e percepiscono i bonus, mentre alla cittadinanza vengono aumentate le tasse.
Il Movimento 5 Stelle - Giulianova aveva denunciato due anni fa i problemi dei conti del comune e nessuno per due anni ci ha dato retta. 
Inutile qualsiasi replica da parte di Mastromauro: sono i numeri che lo condannano, il resto è solo demagogia.

Per il sindaco è giunto il momento di dare le dimissioni.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle - Giulianova

Verso 2 milioni di tagli

29 Mar 2016
Pubblicato in Bilancio

Le dichiarazioni dell’assessore Cameli sono la campana a morto per questa giunta.
Adesso si parla di due milioni di euro di tagli, ma noi del Movimento 5 Stelle abbiamo lanciato l’allarme da più di due anni. Nessuno ha mai ascoltato le nostre parole o attuato le nostre proposte di taglio della spesa: taglio del quarto dirigente, razionalizzazione impianto illuminazio
ne, riduzione spese telefoniche, taglio consulenze e incarichi ad avvocati e professionisti, taglio a bonus e indennità di dirigenti e segretario comunale.
Dal 2013 in poi è stato dilapidato il fondo cassa del comune che da 6.5 milioni di euro è sceso a 600.000 euro. Ricordiamo un memorabile intervento del capogruppo PD Vasanella che in consiglio comunale, lo scorso anno, esprimeva soddisfazione per avere 600.000 euro in cassa. Evidentemente le erano sfuggiti gli altri 6 milioni che sono stati polverizzati dalle giunte Mastromauro.
La spesa del comune è insostenibile, ma nulla è stato fatto per ridurla negli scorsi anni. Adesso si parla di tagliare il sociale per 2 milioni di euro (con un asilo a rischio esternalizzazione), e sarà un massacro che i Giuliesi sperimenteranno sulla propria pelle, con la riduzione dei servizi. In pratica pagheremo le tasse, già in costante aumento, per non avere servizi. 
Mastromauro e questa amministrazione di incompetenti hanno disastrato i conti pubblici. Andatevene finché siete in tempo, poi sarà compito della magistratura accertare le responsabilità.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle Giulianova

Chiudo e svendo tutto.

02 Mar 2016
Pubblicato in Bilancio

La maggioranza prepara la prossima campagna elettorale con la svendita del patrimonio cittadino.

Nel consiglio comunale di lunedi’ 29 febbraio la maggioranza ha confermato delle decisioni di cui dovrà prendersi le responsabilità.
Il patrimonio cittadino verrà impoverito dalla vendita della Julia servizi. Il Pd e la Lista Mastromauro hanno cercato in ogni modo di far passare questa vendita come dovuta ai fini di legge, con interpretazioni giuridiche dei capogruppo Vasanella e Di Teodoro che non trovano alcun riscontro nella realtà. 
Le forniture di gas per noi del Movimento sono un servizio essenziale che eroga il comune, garantendo prezzi bassi e maggiore sensibilità per quelle famiglie che dovessero essere in difficoltà con pagamenti. Vi sono altri esempi di comuni che hanno scelto di non dismettere le partecipate che vendono gas, come la Amagas di Bari e la SMG Arese. Perché non vendere o dismettete l’altra partecipata, ossia la Giulianova patrimonio che non produce nulla?

AUMENTO DEGLI ONERI CONCESSORI (EX BUCALOSSI)

23 Feb 2016
Pubblicato in Bilancio

Con l’aggiornamento delle tariffe degli oneri di urbanizzazione, primaria e secondaria, per il prossimo quinquennio, la Giunta Mastromauro si appresta a ratificare per i giuliesi un nuovo aumento delle imposte locali. Infatti, per ottenere i futuri permessi edificatori di edifici residenziali, commerciali, turistici o direzionali si passerà da una tariffa di 1,90 euro/mc a 4,52 euro/mc (+238%) per le opere di urbanizzazione primaria, e da una tariffa di 3,47 euro/mc a 15,89 euro/mc per le opere di urbanizzazione secondaria (+458%). Già a fine anno inoltre il Comune aveva aumentato le tariffe dei diritti di segreteria per le pratiche edilizie tipo Permessi a costruire, SCIA e richieste di agibilità.

Pagina 1 di 2