Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Il binomio Mastro [Mauro / Pietro].

07 Dic 2016
Pubblicato in Bandi pubblici

Giulianova- Sindaco e PD alla frutta.

Il cerchio sembra non chiudersi mai a Giulianova da quando il Partito Democratico amministra la città. Questa volta a finire sotto la lente della magistratura è la dirigente Mastropietro, indagata per un giro di mazzette in cambio di appalti a Giulianova e per abuso d’ufficio, turbativa d’asta e falso al Comune di Roseto. 

Non sappiamo se la dirigente sia solo la punta dell'iceberg, oppure se il sindaco Mastromauro sia incapace di amministrare la città, non riuscendo neanche a vigilare sugli uffici di Palazzo: ma sarà la magistratura a dirlo. 
Il Movimento si occupa di politica e continua a ribadire le sue preoccupazioni per come si sta amministrando la città da anni. 
Lo stesso provvedimento di trasferire la Mastropietro ad altro incarico sembra un provvedimento poco efficace visto che la stessa dirigente, con nuovo incarico al bilancio dovrà effettuare mandati di pagamento per conto del Comune - per oltre 5 milioni di euro - alla società Eco.Te.Di, società smaltimento rifiuti che opera nella nostra città, per metà di proprietà della società Diodoro Ecologica s.r.l, che ha come legale rappresentate Ercole Diodoro, che da quanto si apprende è indagato con la dirigente stessa….. ci sorgono molti dubbi.

Ringraziamo Mastromauro per il suo modo di operare, così facendo sta portando molti elettori verso il Movimento 5 Stelle, e di questo passo alle prossime elezioni non servirà neanche far campagna elettorale. 
Il problema resta per la città di Giulianova ormai finita in un pantano senza precedenti. 

Margherita Trifoni - Movimento 5 stelle Giulianova

Mastromauro dimostra la sua inadeguatezza!

15 Nov 2016
Pubblicato in Bandi pubblici

Occorrono provvedimenti più seri per la dirigente Mastropietro. 

Ci si aspettava un provvedimento ben più serio di una rotazione di ruolo tra due dirigenti, dopo quanto accaduto con la dirigente Mastropietro, indagata per ben due volte, in poco più di due anni. 

Ricordiamo che la prima indagine è scattata per l'appalto sui rifiuti. Ora invece le ipotesi di reato vanno dalla corruzione, all'abuso d’ufficio, alla turbativa d’asta. Reati che se confermati sarebbero gravissimi. La dirigente Mastropietro ricopre un ruolo delicato in comune, ma ha avuto anche altri incarichi all'interno dello stesso. 
Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle - Giulianova sono molto preoccupati per come si sta amministrando la cosa pubblica: ”con queste indagini, nuovi e preoccupanti interrogativi sorgono sulla gestione delle grandi questioni della città”. Il Sindaco ancora una volta, con l'atto di rotazione dei dirigenti, da' riprova della sua inconsistenza e non si assume la responsabilità di prendere un provvedimento ben più serio, al fine di creare un clima più sereno in comune e di tutelare l'indagata stessa.
Mastromauro si dimostra così sempre meno adeguato a ricoprire la carica di primo cittadino, di garante e rappresentante della città tutta.

Il M5S si chiede se il Sindaco si sia avvalso del parere del O.I.V. (organismo indipendente di valutazione), o del responsabile anti corruzione del comune, o se abbia preso questa decisione da solo. Solo una sospensione dal settore ambiente e nessun provvedimento dopo la prima indagine, ora solo uno spostamento di ufficio.
Cosa pensano al riguardo le forze di maggioranza? Tale provvedimento è ritenuto adeguato, o forse bisognava essere più incisivi, e sospendere la dirigente, come noi del Movimento riteniamo più giusto?

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle Giulianova

Il dirigente getta 7000 euro

20 Apr 2016
Pubblicato in Bilancio

Il Sindaco piange lacrime di coccodrillo: dice che non ci sono i soldi, bisogna tagliare nel sociale, e non si riescono a corrispondere gli stipendi ai lavoratori delle cooperative.

Mentre accusa noi del Movimento 5 stelle di non leggere le carte, proprio scavando nell'albo pretorio del Comune abbiamo scoperto la ciliegina sulla torta.
Dopo i costi per il quarto dirigente, doppio segretario del Sindaco, incarichi esterni per attività che potrebbero rimanere benissimo al Comune, indennità e bonus ai dirigenti ogni anno, ecco l’ultima trovata targata Mastromauro: una determina, la n. 205 del 16/03/2016 in cui si liquida a un ex dipendente una indennità per ferie non godute, pari a una somma di 7000 euro. 
Secondo dall'art. 5, comma 8 del Decreto Legge 6 luglio 2012, n. 95 le ferie, i riposi e i permessi spettanti al personale inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, devono obbligatoriamente essere fruite e non danno luogo in nessun caso alla corresponsione di trattamenti economici sostitutivi ferie: la norma parla chiaro. 
Il Sindaco ci spieghi!!! Vogliamo credere, visti i numerosi impegni, che Mastromauro non sia riuscito a leggere la determina dirigenziale . 

Verso 2 milioni di tagli

29 Mar 2016
Pubblicato in Bilancio

Le dichiarazioni dell’assessore Cameli sono la campana a morto per questa giunta.
Adesso si parla di due milioni di euro di tagli, ma noi del Movimento 5 Stelle abbiamo lanciato l’allarme da più di due anni. Nessuno ha mai ascoltato le nostre parole o attuato le nostre proposte di taglio della spesa: taglio del quarto dirigente, razionalizzazione impianto illuminazio
ne, riduzione spese telefoniche, taglio consulenze e incarichi ad avvocati e professionisti, taglio a bonus e indennità di dirigenti e segretario comunale.
Dal 2013 in poi è stato dilapidato il fondo cassa del comune che da 6.5 milioni di euro è sceso a 600.000 euro. Ricordiamo un memorabile intervento del capogruppo PD Vasanella che in consiglio comunale, lo scorso anno, esprimeva soddisfazione per avere 600.000 euro in cassa. Evidentemente le erano sfuggiti gli altri 6 milioni che sono stati polverizzati dalle giunte Mastromauro.
La spesa del comune è insostenibile, ma nulla è stato fatto per ridurla negli scorsi anni. Adesso si parla di tagliare il sociale per 2 milioni di euro (con un asilo a rischio esternalizzazione), e sarà un massacro che i Giuliesi sperimenteranno sulla propria pelle, con la riduzione dei servizi. In pratica pagheremo le tasse, già in costante aumento, per non avere servizi. 
Mastromauro e questa amministrazione di incompetenti hanno disastrato i conti pubblici. Andatevene finché siete in tempo, poi sarà compito della magistratura accertare le responsabilità.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle Giulianova

Nuovi debiti per i giuliesi

23 Gen 2016
Pubblicato in Bilancio

Maggioranza allo sbando, Giunta in continuo subbuglio, Sindaco incapace di far squadra mentre Giulianova sprofonda. 
Un 2015 di nulla, con Mastromauro impegnato in passerelle con D’alfonso, chiacchiere e nel proporre progetti inutili e distruttivi: vedasi caserma dei carabinieri nell’ex mercato coperto, con tutta la cittadinanza e le forze politiche -anche quelle di maggioranza - che hanno spinto per una retromarcia del Sindaco. 
Il 2016 si apre con un debito fuori bilancio di 300 mila euro non ancora riconosciuto e scaricato dalla stessa maggioranza del PD, che rifiuta ad oggi di approvare il debito, chiedendo una relazione esaustiva e la certificazione dell’importo al dirigente dell’area sociale e quello dell’area bilancio ancora non pervenuta. 
La proposta del Sindaco di istituire una tassa di soggiorno, è stata bocciata dalla legge finanziaria, che sospende per quest’anno il potere degli enti locali di istituire nuove tasse. 
Il Sindaco continua a sperperare quel po’ di denaro pubblico delle casse comunali in nomine e incarichi: vedi nomina legali esterni anche per i contenziosi minimi. 

Il gioco delle tre carte

21 Set 2015
Pubblicato in Servizi ai cittadini

Scusate abbiamo sbagliato: ossia sulla TARI non abbiamo sbagliato.
Il Sindaco e l’assessore Verdecchia confermano i dubbi avanzati dal Movimento 5 Stelle - Giulianova, ossia che l’incertezza e l’impreparazione in giunta regnano sovrane: il sindaco dice una cosa, l’assessore un’altra.

Dimissioni subito!

27 Ago 2015
Pubblicato in Bilancio

Cartelle pazze TARI

Dopo anni e anni al “disservizio” del comune, il sindaco finalmente si è accorto dell’incompetenza del dirigente Pirocchi
Non bastava una tassa dei rifiuti a livelli altissimi. Negli scorsi giorni il comune è stato letteralmente assediato dai cittadini, imbufaliti per le “bollette pazze” ricevute dall’ufficio tributi. 

Il dirigente senza concorso

13 Apr 2015
Pubblicato in Bilancio

Una nuova tegola sulla Giunta Mastromauro, dalla Corte Costituzionale.

Non bastavano la TASI, la TARI, la sentenza “Parco Franchi” e il pareggio di bilancio per non far dormire sonni tranquilli alla giunta Mastromauro , questa volta é arriva la Corte Costituzionale, e rischia di mettere nei guai seri il Comune di Giulianova. Un vero e proprio terremoto la sentenza della Corte Costituzionale, che per ora ha colpito l’ Agenzia dell’Entrate, ribadendo come le nomine di dirigenti effettuate senza un concorso pubblico sono da ritenere completamente nulle, così come gli atti firmati e notificati da questi, sono ugualmente da ritenersi non validi. Stando a quanto ha affermato la Consulta (sentenza n. 35 del 17 marzo 2015) i dirigenti della pubblica amministrazione vanno selezionati esclusivamente per concorso, anche nel caso di promozione per «brevi periodi».