Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Urbanistica

Nell’ultimo consiglio comunale il sindaco ha derubricato le notizie e il dibattito in città sugli arresti e sulla corruzione in comune, a semplice chiacchiericcio. I suoi fedelissimi parlano di clima forcaiolo. Ma le ultime notizie lo tirano in ballo direttamente, anche se le ipotesi di reato non ci sono.
Frasi incredibili, ancor più se dette da un sindaco e da chi rappresenta i cittadini. La cittadinanza è allo stesso tempo incredula e indignata, per il sistema che si sta delineando dalle indagini, che toccherebbe vari esponenti della politica. Si facessero un giro tra la gente per ascoltare e capire i sentimenti dei cittadini. Una intera città è ferita nell’orgoglio, e tutti sappiamo bene quanto sia forte l’orgoglio di noi Giuliesi.

Una intera classe dirigente ed amministrativa sembra aver fallito, dimostrandosi incapace di controllare, con il rischio che alcuni potrebbero essere direttamente implicati nel malaffare. Il problema politico è enorme, ed ogni giorno diventa sempre più grande: non si può ignorarlo. Il sindaco avrebbe fatto bene a rassegnare le proprie dimissioni e non a parlare di chiacchiericcio, proprio perché non ha avuto il pieno controllo della situazione, circondandosi di collaboratori la cui posizione - al momento - è difficilissima da difendere.

Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle – Giulianova ringraziano la procura e i magistrati per il lavoro svolto, e sono certi che sarà garantita giustizia nella nostra città. E finalmente gli struzzi dovranno togliere la testa da sotto la sabbia…. il chiacchiericcio potrebbe presto trasformarsi in fatti, o peggio in reati.

Margherita Trifoni Movimento 5 stelle Giulianova

Vota questo articolo
(2 Voti)

La giunta dei palazzinari

12 Apr 2016 Scritto da Admin
Pubblicato in Urbanistica

 

VARIANTE PIANO TERRITORIALE PROVINCIALE

Mastromauro e il Partito democratico sono in balia delle lobby dei costruttori; da questa variante al piano territoriale provinciale si capisce definitivamente che questa giunta e questo consiglio comunale sono proni di fronte al volere dei palazzinari, siete portatori degli interessi dei grandi costruttori edili.  

Mastromauro non siamo come già detto in altri consigli comunali negli anni ’60 in pieno boom economico ed edilizio!! …e voi della maggioranza non continuate ad utilizzare lo slogan “Consumo di Suolo 0”!!.

Con questa proposta di variante volete espandere l’inviluppo urbano della città costruita nelle zone periferiche e nella fattispecie nelle frazioni di Colleranesco, Villa Pozzoni e Case di Trento. Avete denominato, in commissione urbanistica, le zone di espansione, aree di ricucitura del tessuto urbano; si tratta di un chiaro inganno terminologico, una trappola in cui non cadiamo! Per mezzo di tale osservazione al Piano territoriale provinciale si potrà ampliare ulteriormente l’edificabilità del territorio mediante delle varianti specifiche del PRG comunale fatte ad hoc per soddisfare l’alta voracità di terreno di qualche imprenditore edile.

A dimostrazione dei nostri ragionamenti c’è un documento ufficiale che smentisce la propaganda della Giunta sul “consumo di suolo 0”: nel documento unico di programmazione (DUC) 2016 leggiamo che il comune di Giulianova nel 2020 si prefigge di arrivare a quasi 28.000 abitanti con ben 1.800.000 mq di alloggi, con un incremento in 10 anni di 343.000 mq alloggi. Visto e considerato che gli abitanti di Giulianova non crescono ma rimane pressoché stabile la crescita demografica, attestandosi a circa 24.000 unità, non si capisce perché le periferie devono espandersi in termini residenziali; se gli abitanti non crescono non può crescere neanche la città antropizzata.

Inoltre le politiche di gestione del territorio vanno nel senso opposto rispetto a quello del “consumo di suolo 0” o del “mattone zero” tanto decantato dal Sindaco.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Le menzogne del Sindaco

31 Lug 2015 Scritto da Mauro Di Criscenzo
Pubblicato in Urbanistica
Dopo le esternazioni del Sindaco in Consiglio Comunale, che ha definito il Movimento 5 stelle Giulianova a favore della cementificazione, troviamo doveroso rispondere.
Forse Sindaco, sta confondendo la sua politica devastatrice e totalmente in favore dei soliti speculatori edili, con il nostro senso civico in favore dei cittadini e del bene pubblico.
Vota questo articolo
(2 Voti)

Togliete quelle reti da beach volley!!

10 Lug 2015 Scritto da Admin
Pubblicato in Urbanistica

Il problema sarebbero le reti da beach volley?

E’ stata presentata in Consiglio Comunale la Variante del piano demaniale marittimo.

Il nostro “amato Sindaco” ha affermato che sul lungomare monumentale ci sono stabilimenti che non rispettano alcune norme. Fino a qui tutto bene, anche noi del 5 Stelle siamo pienamente d’accordo. Poi però scopriamo quali sono le questioni che Mastromauro lamenta, allora la situazione diventa preoccupante e anche un po’ comica: le reti dei campi di beach volley di alcuni stabilimenti sarebbero troppo impattanti per il decoro del lungomare monumentale. Il problema del lungomare monumentale sono le reti da beach volley di 2-3 stabilimenti balneari??

Vota questo articolo
(0 Voti)

Un nuovo supermercato per Giulianova.

10 Lug 2015 Scritto da Admin
Pubblicato in Urbanistica

Variante Specifica P.R.G.- Comparto edificatorio Via Turati

Consiglio comunale 08.07.2015

Questa variante si propone di cambiare la zona edificabile residenziale B2c e la zona G1 zona adibita ad attrezzature private di interesse pubblico (ad es. abitazioni collettive, uffici pubblici, servizi pubblici parcheggi, verde privato etc) in un’unica zona omogenea D3 per insediamenti commerciali di nuovo impianto. 

Vota questo articolo
(0 Voti)

Una ciclabile pericolosa

03 Lug 2015 Scritto da Admin
Pubblicato in Urbanistica

Viene inaugurata dal sindaco, con il solito codazzo di politici locali e regionali, venerdì 3 luglio la nuova pista ciclabile antistante al porto. Anche questa volta la giunta e i suoi progettisti sono riusciti pero’ a complicare le cose.

Vota questo articolo
(1 Vota)

La mala urbanistica giuliese.

05 Giu 2015 Scritto da Admin
Pubblicato in Urbanistica

Variante specifica al PRG sul PIANO PARTICOLAREGGIATO Ex Sottozona E4 e distanze tra alberghi.


"Anche questo è un caso di mala gestione delle politiche di pianificazione e di sviluppo del territorio, per 40 anni tutti i partiti e i colori politici che si sono susseguiti nelle giunte comunali hanno fatto finto di niente e hanno permesso che molte aree ufficialmente pubbliche divenissero aree ufficiosamente private, aree di servizio per le attività alberghiere della zona Nord di Giulianova.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Dieci minuti prima l’amministrazione Mastromauro approvava l’O.d.g. sulla sostenibilità, dieci minuti dopo faceva marcia indietro, approvando l’ennesimo sfregio paesaggistico per la città di Giulianova. 
Dopo l’aumento di cubatura per ampliamento strutture alberghiere nel lungomare Nord, questa volta si punta alla collina tra paese e spiaggia, proprio nell’ ex confettificio Orsini.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Ennesimo affidamento d’incarico su base fiduciaria e questa volta su un’opera pubblica molto importante per Giulianova: la pista ciclo pedonale della dorsale Adriatica rientrante nel progetto regionale Bike to Coast.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Babbo Mastro

22 Dic 2014 Scritto da Andrea Marà
Pubblicato in Urbanistica

Nel più totale silenzio di tutti i mezzi di informazione locali, che continuano ad occuparsi di problemi secondari della città (vedasi gli alberi di Natale), a Giulianova si sta per compiere il più grande scempio urbanistico della storia recente locale.
Il Movimento 5 stelle dice No alla speculazione edilizia sul lungomare Nord, messa in atto dalla giunta Mastromauro, che vuol stravolgere i principi basilari della pianificazione urbanistica, secondo cui l’altezza di un edificio deve essere proporzionato alla distanza tra gli edifici stessi.
La Giunta Mastromauro si appresta a concedere permessi di ampliamento per le strutture alberghiere con uno sviluppo pari a 24 metri nelle così dette zone E5. Tutto ciò solo per avvantaggiare qualche amico.

Vota questo articolo
(1 Vota)