Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Anche quest’anno si presenta un bilancio che non approveremo.

La politica del tirare a campare continua anche nel 2016, per restare in piedi, chiudere il bilancio e basta, senza avere una prospettiva di lungo periodo … curioso per chi parlava di Giulianova 2020, e invece agisce per “Giulianova speriamo di arrivare al prossimo anno”.
Anche noi ci chiediamo chi abbia messo mano al bilancio quest’anno: probabilmente la Mastropietro, mentre l’eroico Pirocchi, convocato all’ultimo secondo dovrà rispondere alle nostre domande.
In commissione è emerso che tutti gli introiti derivanti dalla vendita della Julia servizi saranno usati per ripianare i buchi della gestione operativa che ha un risultato clamorosamente negativo: meno 4 milioni di euro.

A cosa è dovuto ciò? E’ vero che vi sono i minori stanziamenti ma notiamo anche che ci sono 3.2 milioni di accantonamento al fondo di anticipazione di liquidità, dunque un peggioramento notevole rispetto allo scorso anno. 
Ci spiegate cosa sono i 3.2 milioni di accantonamento al fondo di anticipazione di liquidità?????
I prestiti sono l unico modo per chiudere i bilanci per voi perché la situazione è fuori controllo, cosa che abbiamo ripetuto anche allorché abbiamo analizzato il DUP a giugno nel 2016, e che trovate sul nostro blog, nero su bianco!!!!!
Ripianare era un obbligo di legge o è stata una vostra scelta?  
Le entrate al titolo V del 2015, 3.353.000 euro cosa sono ce lo fate sapere, ci date la dicitura ufficiale? Ossia: Anticipazioni di cassa? Finanziamenti a breve termine? Assunzione di mutui e prestiti? 

Pubblicato in Bilancio
Venerdì, 05 Agosto 2016 12:17

Hera meglio prima!

Julia servizi: (h)era meglio prima. I cittadini pagano bollette salate e disservizi.

Comincia malissimo la nuova (h)era della Julia servizi, la ex partecipata comunale svenduta dalla giunta Mastromauro per fare cassa e ripianare i debiti, alla società che molti indicano come vicina al PD .
Sono in arrivo le bollette di marzo-aprile e già gli utenti e le testate giornalistiche segnalano notevoli disservizi: somme gonfiate e operai pronti a tagliare le utenze per morosità anche inesistenti! In sintesi invece di controllare i contatori, sono stati fatti dei conteggi forfettari, magari per risparmiare sui tempi e sui costi, naturalmente a discapito dei cittadini.
Noi del Movimento 5 Stelle lo avevamo anticipato: una società pubblica può venire maggiormente incontro alle esigenze di cittadini. Adesso il profitto viene prima di tutto.

Il sindaco Mastromauro conferma il fatto di non indovinare nessuna delle principale scelte strategiche, e come al solito la cittadinanza deve subire. La Giulianova patrimonio, che costa 1.8 milioni di euro l’anno nonostante gli incassi della farmacia comunale, invece ancora non viene chiusa.
Margherita Trifoni chiede al sindaco di intervenire, e richiamare la Julia servizi ad effettuare le letture delle bollette, al fine di richiedere solamente quanto dovuto dalle utenze.

Margherita Trifoni – Movimento 5 Stelle Giulianova

Pubblicato in Energia
Venerdì, 11 Marzo 2016 13:47

La Julia Servizi agli amici del PD

Vendita Julia servizi: vincono gli amici del PD.

Come ampiamente previsto (anche sulla nostra pagina facebook) la Julia servizi è stata acquistata da una ditta di Bologna chiaramente vicina al Partito democratico, ossia la Hera Comm.
Mastromauro, supportato dal Pd e dalla sua maggioranza ha voluto far credere che la vendita fosse inevitabile, non ritirando il bando d’asta anche se è in corso il cambio della normativa sulla partecipate.
Una partecipata da sempre in utile, che fornisce gas ai Giuliesi, viene di fatto svenduta attraverso un’ asta a cui ha partecipato un solo offerente, ossia la Hera. Il bando stesso permetteva la vendita anche in caso di offerente unico. Mastromauro ha tirato diritto senza prestare ascolto alle nostre obiezioni, né a quelle delle altre forze di opposizione.  
Arriveranno dunque oltre 5 milioni di euro, ma state certi che vigileremo su come verranno spesi e non vi permetteremo di dilapidarli come avete fatto per i 6 milioni di euro del fondo cassa del comune. 
Vi siete presi la responsabilità di svendere il patrimonio cittadino: lo ricorderemo in futuro ai Giuliesi. Dovrete spiegare anche perché non avete dismesso la Giulianova patrimonio, che al contrario della Julia servizi non porta vantaggi economici alla città.


Margherita Trifoni – Movimento 5 Stelle Giulianova

Pubblicato in Energia
Mercoledì, 02 Marzo 2016 16:15

Chiudo e svendo tutto.

La maggioranza prepara la prossima campagna elettorale con la svendita del patrimonio cittadino.

Nel consiglio comunale di lunedi’ 29 febbraio la maggioranza ha confermato delle decisioni di cui dovrà prendersi le responsabilità.
Il patrimonio cittadino verrà impoverito dalla vendita della Julia servizi. Il Pd e la Lista Mastromauro hanno cercato in ogni modo di far passare questa vendita come dovuta ai fini di legge, con interpretazioni giuridiche dei capogruppo Vasanella e Di Teodoro che non trovano alcun riscontro nella realtà. 
Le forniture di gas per noi del Movimento sono un servizio essenziale che eroga il comune, garantendo prezzi bassi e maggiore sensibilità per quelle famiglie che dovessero essere in difficoltà con pagamenti. Vi sono altri esempi di comuni che hanno scelto di non dismettere le partecipate che vendono gas, come la Amagas di Bari e la SMG Arese. Perché non vendere o dismettete l’altra partecipata, ossia la Giulianova patrimonio che non produce nulla?

Pubblicato in Bilancio
Giovedì, 07 Gennaio 2016 16:14

No alla privatizzazione della Julia Servizi!!

Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle si oppongono fermamente alla vendita della Julia Servizi, società che risulta essere in attivo
Si parla spesso di dismissione delle società partecipate. La maggioranza e Mastromauro devono mettere per prima cosa all’ordine del giorno la dismissione della Giulianova Patrimonio, partecipata totalmente inefficiente e in continua perdita.
Oltre a preservare i posti di lavoro della partecipata, la Julia servizi deve restare pubblica proprio a causa dell’importanza delle forniture gas. Infatti, se il Comune resta proprietario si può andare incontro ai cittadini anche in caso di ritardo dei pagamenti, a causa del momento di crisi economica. Una privatizzazione e le esigenze di profitto potrebbero rendere meno flessibile la riscossione crediti di chi non è in grado di pagare con ricadute negative per chi è in difficoltà.

Pubblicato in Servizi ai cittadini
Giovedì, 10 Dicembre 2015 15:13

Chiudo o vendo tutto.

Di fronte al pre-dissesto finanziario, dinanzi alla potenziale bancarotta delle casse comunali, la seconda Giunta Mastromauro con il rinnovato appoggio del Pd, ha palesemente scelto di far cassa con la vendita del patrimonio pubblico giuliese.
Non si può continuare a pagare i debiti pregressi con altri debiti, è arrivato il momento di vendere!
E quindi si procede alla redazione del bando per la cessione della Julia Servizi, unica municipalizzata in utile, si mettono all’asta i terreni edificabili della zona turistica E2.1 e un lotto in area produttiva PIP a Colleranesco e giacché ci siamo, cediamo gratuitamente la gestione della cura del verde pubblico ai privati. 

Pubblicato in Bilancio
Mercoledì, 13 Maggio 2015 10:22

Società partecipata vendesi.

JULIA SERVIZI IN PASTO AI PRIVATI, CON PERICOLO AUMENTO DELLE TARIFFE.

Il Movimento 5 stelle, da sempre vicino ai cittadini, è fortemente preoccupato dall’ ennesima forzatura del Sindaco Mastromauro, che si appresta a vendere con la sua maggioranza il gioiello di famiglia, la Julia Servizi, unica società partecipata in attivo del Comune di Giulianova.
I rischi come sempre ricadono sulle tasche dei cittadini, già vessati dai continui rincari per i servizi di cui usufruiscono vedi, TASI, TARI. Dunque quasi certo un ulteriore aggravio della tariffa del Gas se il servizio passerà da una società gestita dal Comune a una società privata che ha come unico scopo far cassa e aumentare i propri profitti. 

Pubblicato in Servizi ai cittadini