Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Venerdì, 05 Agosto 2016 12:17

Hera meglio prima!

Julia servizi: (h)era meglio prima. I cittadini pagano bollette salate e disservizi.

Comincia malissimo la nuova (h)era della Julia servizi, la ex partecipata comunale svenduta dalla giunta Mastromauro per fare cassa e ripianare i debiti, alla società che molti indicano come vicina al PD .
Sono in arrivo le bollette di marzo-aprile e già gli utenti e le testate giornalistiche segnalano notevoli disservizi: somme gonfiate e operai pronti a tagliare le utenze per morosità anche inesistenti! In sintesi invece di controllare i contatori, sono stati fatti dei conteggi forfettari, magari per risparmiare sui tempi e sui costi, naturalmente a discapito dei cittadini.
Noi del Movimento 5 Stelle lo avevamo anticipato: una società pubblica può venire maggiormente incontro alle esigenze di cittadini. Adesso il profitto viene prima di tutto.

Il sindaco Mastromauro conferma il fatto di non indovinare nessuna delle principale scelte strategiche, e come al solito la cittadinanza deve subire. La Giulianova patrimonio, che costa 1.8 milioni di euro l’anno nonostante gli incassi della farmacia comunale, invece ancora non viene chiusa.
Margherita Trifoni chiede al sindaco di intervenire, e richiamare la Julia servizi ad effettuare le letture delle bollette, al fine di richiedere solamente quanto dovuto dalle utenze.

Margherita Trifoni – Movimento 5 Stelle Giulianova

Pubblicato in Energia
Venerdì, 25 Marzo 2016 10:01

Le bugie del Progetto Paride

Si è conclusa la gara di affidamento per la progettazione e realizzazione dell’ammodernamento tecnologico degli impianti di illuminazione pubblica compresa di gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria; il fantasmagorico progetto coinvolge ben 33 comuni della provincia di Teramo e si trova adesso ad un punto di svolta. 
Il Presidente della Provincia “mai eletto dal popolo” Renzo Di Sabatino e tutto il Partito democratico provinciale, presentando le ditte aggiudicatarie, con grande soddisfazione hanno dichiarato che “si tratta di investimenti privati che al pubblico non costeranno nulla”.  
Dichiarazioni false e tendenziose, bugie che mistificano la realtà dei fatti. Ma veramente si vuol far credere, ai cittadini ignari, che le grandi Multiutility dell’energia, molto vicine al Pd -vedi gruppo Hera comm- investono oltre 25 milioni di euro in maniera del tutto gratuita? 

Il movimento 5 Stelle, bando alla mano, sottolinea che “I comuni daranno al gestore un ristoro economico di un canone annuale determinato all’esito della procedura di gara per una durata massima di 16 anni.” 

A quanto ammonta questo canone? Per quanto tempo i cittadini saranno indebitati con i consorzi delle ditte che gestiranno l’illuminazione pubblica? Perché queste trattative non sono state rese pubbliche e trasparenti? Non conveniva fare investimenti pubblici con tempi di rientro di 5-6 anni e valutare progetti interni alle singole amministrazioni comunali come hanno fatto i Comuni di Corropoli, Campli, Roseto degli Abruzzi e Alba Adriatica, sfilandosi dal comprensorio teramano? 

Come al solito gli unici a guadagnarci saranno i grossi consorzi e le cooperative amiche dei Partiti, a pagare il conto salato saranno sempre i cittadini della provincia di Teramo. 

Fabio Berardini - Movimento 5 Stelle Teramo  
Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle Giulianova
Pierluigi Filipponi - Movimento 5 stelle Mosciano S. Angelo
Santino Ferretti - Movimento 5 Stelle Pineto
Meet up - Movimento 5 Stelle Martinsicuro

Pubblicato in Energia