Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Venerdì, 23 Settembre 2016 10:15

Dove sono finiti i servizi scolastici?

Servizi sociali: che fine farà il servizio di accoglienza pre e post scuola?
Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle - Giulianova si interrogano sul servizio accoglienza pre e post scuola, ossia il servizio di accoglienza, vigilanza e assistenza degli alunni, nelle fasce orarie precedenti e successive al normale orario scolastico.
Chiediamo all’assessore Cameli se il servizio verrà effettuato, in particolare per quei bambini che presentano alcune problematiche di gestione.

I tagli che colpiscono il sociale sono sempre più evidenti. Dopo le ore di assistenza per i ragazzi disabili, un altro servizio rischia di essere tagliato, mentre restano anche i problemi con lo scuolabus. Le famiglie hanno il diritto di sapere se il servizio sarà garantito nel corso di questo anno scolastico, per cui attendiamo una risposta dell’assessore.

Margherita Trifoni - Movimento 5 Stelle

Pubblicato in Sociale

Il bilancio 2015 è la prova del nove di quello che abbiamo detto a partire dal 2013, ossia che le casse del comune sono state dissestate nell’anno precedente alla campagna elettorale e in quello della campagna elettorale ossia il 2014.

Il fondo cassa del comune è in leggera risalita, dopo aver toccato il minimo storico del 2014, ridotto ad appena 600.000 euro. Quest’anno si chiude a 1.300.000, proprio perché siete stati costretti a fare dei tagli, molti dei quali sono già stati suggeriti da noi. Altri ce ne saranno nel preventivo 2016, e finalmente avremo la tanto agognata riduzione dei dirigenti addirittura da 4 a 2, a testimonianza che il quarto dirigente non era affatto necessario.

Noi lo diciamo da tempo, voi ci siete arrivati solo in parte nel 2016. Siete stati costretti dalla normativa nazionale alla riduzione del personale del comune , ridotto di tre unità con risparmio attorno ai 100.000 euro.

La spesa corrente, per forza di cose è scesa, proprio perché aveva raggiunto negli anni passati un livello che era semplicemente insostenibile, in particolare nel 2014.

Da 23,432 milioni a 22,5 milioni: risparmio di 900.000 euro

L’acquisto beni di consumo e di materie prime è passato da 868.000 euro a 615.000 (749.000 nel 2013): ossia 250.000 euro . Come mai un differenza così netta che sfiora il 30%?

Spiegate alla cittadinanza per favore che cosa sono gli oneri straordinari della gestione corrente? A cosa è imputabile la diminuzione da 935.000 euro a 511.000 euro?

Più di 600.000 riguardano queste due voci, e deve essere chiarito alla cittadinanza il perché.

Le entrate di trasferimento da parte di stato e regione sono aumentati di circa 300.000 euro rispetto al 2014, per cui per una volta non dovreste lagnarvi.

Pubblicato in Bilancio
Giovedì, 01 Ottobre 2015 16:11

Assessore, ascolti i genitori!!

L’assessore Cameli ha accusato il Movimento 5 Stelle di fare polemiche assurde sulla questione degli orari dello scuola bus. 
Quelle che l’assessore chiama polemiche assurde, altro non sono che le segnalazioni e le proteste dei genitori, che hanno fatto presente come gli orari imposti dalla Gaspari siano del tutto inadatti, costringendo gli alunni a frequentare la scuola in base alle disponibilità del pulmino!
Dunque l’assessore adesso vada dai genitori e dica loro che le proteste sono del tutto infondate, soprattutto perché era a conoscienza del fatto che il servizio sarebbe stato ridotto, a fronte di una diminuzione della spesa del comune per il servizio.

Pubblicato in Servizi ai cittadini
Martedì, 29 Settembre 2015 15:16

Orari non idonei.

La ditta Gaspari sta creando dei considerevoli disservizi agli alunni delle scuole di Colleranesco e di Giulianova Alta, tra le giuste proteste dei genitori.
Gli alunni sono costretti a restare fino alle 15.00 e fino alle 16.45 a scuola a causa delle riduzione del servizio, che viene dunque effettuato da un solo bus nel pomeriggio. Orari del tutto inidonei per degli studenti. 
Tutto cio’ è semplicemente scandaloso, e restiamo allibiti per il fatto che il sindaco e la giunta non richiamino la ditta, costringendola ad effettuare un servizio che metta i nostri figli nelle migliori condizioni di frequentare la scuola.

Pubblicato in Sociale
Lunedì, 10 Agosto 2015 13:52

Mastro-prezzemolo e la scuola

Mastromauro già incapace di gestire le questioni che gli competono in città, si occupa di argomenti che sono del tutti estranei alle attività di un Sindaco. “Mastro-prezzemolo”, intromettendosi sulle questioni scolastiche della settimana corta Si/No, mette in discussione le decisioni prese dal Consiglio di Istituto, andando contro quelli che sono i principi di autonomia della scuola. E’ necessario ricordare al Sindaco che il suo compito sarebbe quello di garantire, con infrastrutture, servizi, il sereno svolgimento dell’attività didattica stabilita dalla scuola in piena autonomia: Il Consiglio di Istituto delibera e il Comune ottempera Art. 10 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione D.Lgs. 297 del 16 aprile 1994 .

Pubblicato in Servizi ai cittadini