Accept Cookies?
Provided by OpenGlobal E-commerce
Close Panel

Login

5 Stelle Giulianova, Trasparenza, partecipazione, condivisione.

Martedì, 17 Maggio 2016 13:55

Da mesi senza stipendio

Lo scarica barile.

Il Movimento 5 Stelle - Giulianova esprime il proprio supporto ai lavoratori della cooperativa Agorà che in mattinata si sono recati davanti al municipio, per chiedere le mensilità arretrate dello stipendio.  
Arretrati di tre mesi, che vengono pagati a singhiozzo. Il comune dà la colpa alla regione, la regione non si è nemmeno degnata di inviare qualcuno al tavolo con il prefetto. Resta soltanto l’incertezza.
Né il Pd, né i vari partiti di sinistra hanno incontrato i lavoratori davanti al municipio, tantomeno il sindaco, assente (così come è spesso assente in città), forse impegnato ad incontrare all’Aquila Matteo Renzi.
Noi del Movimento c’eravamo, abbiamo ribadito ai lavoratori che il comune ha 290.000 euro di debiti con l’ambito, debiti non ancora riconosciuti dal consiglio comunale. Abbiamo ribadito loro che verranno tagliati circa 200.000 euro dallo stanziamento che ogni anno il comune fa all’ambito.
Tutto ciò si tradurrà in stipendi più bassi e assunzioni non rinnovate. Inutile fare promesse, i lavoratori devono solo essere messi al corrente della situazione. I danni sono stati fatti negli scorsi anni e adesso si può provare soltanto a salvare il salvabile. 
Attendiamo le carte sui debiti richieste a dicembre. Così come per la delibera sul bilancio, l’opacità e la mancanza di trasparenza sono la caratteristica della giunta Mastromauro che con i partiti della maggioranza sono responsabili della situazione attuale.  

Margherita Trifoni – Movimento 5 Stelle

Pubblicato in Servizi ai cittadini
Martedì, 29 Marzo 2016 10:18

Verso 2 milioni di tagli

Le dichiarazioni dell’assessore Cameli sono la campana a morto per questa giunta.
Adesso si parla di due milioni di euro di tagli, ma noi del Movimento 5 Stelle abbiamo lanciato l’allarme da più di due anni. Nessuno ha mai ascoltato le nostre parole o attuato le nostre proposte di taglio della spesa: taglio del quarto dirigente, razionalizzazione impianto illuminazio
ne, riduzione spese telefoniche, taglio consulenze e incarichi ad avvocati e professionisti, taglio a bonus e indennità di dirigenti e segretario comunale.
Dal 2013 in poi è stato dilapidato il fondo cassa del comune che da 6.5 milioni di euro è sceso a 600.000 euro. Ricordiamo un memorabile intervento del capogruppo PD Vasanella che in consiglio comunale, lo scorso anno, esprimeva soddisfazione per avere 600.000 euro in cassa. Evidentemente le erano sfuggiti gli altri 6 milioni che sono stati polverizzati dalle giunte Mastromauro.
La spesa del comune è insostenibile, ma nulla è stato fatto per ridurla negli scorsi anni. Adesso si parla di tagliare il sociale per 2 milioni di euro (con un asilo a rischio esternalizzazione), e sarà un massacro che i Giuliesi sperimenteranno sulla propria pelle, con la riduzione dei servizi. In pratica pagheremo le tasse, già in costante aumento, per non avere servizi. 
Mastromauro e questa amministrazione di incompetenti hanno disastrato i conti pubblici. Andatevene finché siete in tempo, poi sarà compito della magistratura accertare le responsabilità.

Margherita Trifoni Movimento 5 Stelle Giulianova

Pubblicato in Bilancio

NESSUNO DEVE ESSERE LASCIATO INDIETRO.

Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle chiedono chiarezza all’assessore Cameli sulla riduzione delle ore di assistenza ai ragazzi disabili nelle scuole.
L’assessore ha parlato della riduzione da 18 a 16 ore, ma nulla ha chiarito su ciò che avverrà a settembre, quando le ore di assistenza saranno addirittura ridotte a 12. 
Bisogna inoltre chiarire che l’aumento della retribuzione oraria non è dovuto a una scelta del comune di Giulianova, come tendenziosamente affermato, ma è dovuto al contratto collettivo nazionale.
Nel frattempo gli operatori e i dipendenti della cooperativa non percepiscono lo stipendio dal mese di novembre e nonostante questo continuano a fare il proprio lavoro. 
Una riduzione di due ore non è sostenibile, la riduzione da 18 a 12 ore settimanali è un vero e proprio crimine a nostro avviso. Una amministrazione, quella di Mastromauro, che parla sempre di sociale e che invece nei fatti abbandona i più deboli e le loro famiglie.

Pubblicato in Sociale
Martedì, 01 Settembre 2015 17:09

Baratto amministrativo a breve in consiglio.

Margherita Trifoni e il Movimento 5 Stelle – Giulianova sono lieti di constatare che finalmente le idee del Movimento, come il baratto amministrativo, vengono condivise anche dalle altre forze politiche e troveranno spazio nel consiglio comunale, che stando a quanto dichiarato dal sindaco, discuterà una proposta del consigliere regionale del Movimento, il giuliese Riccardo Mercante. 

Pubblicato in Sociale
Venerdì, 24 Luglio 2015 12:59

Quando pagate gli stipendi?

Il Sindaco gioisce mentre i dipendenti delle cooperative sociali sono senza stipendio.

Mastromauro esterna a mezzo stampa tutta la sua gioia per il lavoro fatto fin'ora. Soddisfatto del bilancio di previsione, soddisfatto del taglio alle tasse, soddisfatto dei servizi che vengono erogati ai cittadini, dichiara che sta scalando montagne, parla di miracoli e grazie a lui tutto va bene in città, dimenticando invece tutti quei lavoratori che stanno vedendo un'estate molto dura e non solo per il caldo.

Pubblicato in Servizi ai cittadini
Venerdì, 17 Luglio 2015 09:31

Baratto amministrativo

Presentato in data 16.07.2015 la mozione sul baratto amministrativo.

Dalla cura del verde al recupero di aree degradate: la misura è prevista dallo Sblocca Italia per compenseranno le tasse comunali arretrate e quelle future, in pratica, offre la possibilità di ridurre o esentare dai tributi comunali i cittadini incapaci di pagare a fronte di interventi per la riqualificazione del territorio eseguiti singolarmente o insieme. 

Pubblicato in Sociale
Venerdì, 03 Ottobre 2014 20:31

Dilettanti allo sbaraglio

Il Movimento 5 Stelle Giulianova intende segnalare alla cittadinanza quanto deciso in regione con la delibera del 16 settembre 2014.
 La Regione Abruzzo ha infatti revocato uno stanziamento per la nostra città di ben 516.000 euro, destinati alla “realizzazione di un centro interculturale residenziale per donne”, a causa della violazione degli obblighi assunti dalla giunta, mentre i comuni di Miglianico, Collelongo e Caramanico Terme hanno ottemperato agli obblighi assunti ricevendo centinaia di migliaia di euro.
La questione risale al 2013 quando il sindaco della nostra Città era sempre Mastromauro, che di certo non potrà attribuire ora a nessuno dei sui predecessori la colpa, come fa spesso ultimamente.
Chiediamo al sindaco delucidazioni sull’accaduto e lo esortiamo a non commettere tali grossolani errori che penalizzano la nostra città oramai priva di risorse.

Pubblicato in Sociale